COME INIZIARE A FARE SPORT DOPO I 40 ANNI

Le nostre offerte mensili

   

   

€ 9,90

COME INIZIARE A FARE SPORT DOPO I 40 ANNI
COME INIZIARE A FARE SPORT DOPO I 40 ANNI

Molto spesso nella vita capita, che ad un'età ormai adulta, si senta il desiderio di voler iniziare a fare sport. In altre situazioni, invece, si avverte la voglia di volersi dedicare semplicemente allo svolgimento di un pò di movimento fisico. Ma secondo voi, un uomo o donna possono iniziare a praticare questo tipo di attività, avendo più di 40 anni? Possono iniziare, anche se nella loro vita non hanno praticato mai sport? La risposta è decisamente si. Infatti, tutti possono iniziare questo tipo di avventura, anche non avendola mai pratica prima nella loro vita, perché la cosa più importante è quella di essere decisi nelle proprie scelte e affrontarle con il giusto impegno. La regola numero è porsi un obbiettivo e dare il massimo per raggiungerlo. Quindi che voi siate un uomo o una donna di oltre 40 anni, potete rimettervi tranquillamente in gioco e praticare lo sport che più preferite.

Per prima cosa, dopo aver preso la decisione di fare sport, assicuratevi di essere in perfetta salute in modo da evitare l'insorgere di disturbi che renderebbero la vostra attività sportiva una pura sofferenza. Il consiglio è quello di effettuare, un controllo medico, prima di iniziare ad allenarvi, perché partire con il piede giusto facilita l'impresa.

Dal momento che avete la sicurezza di essere in perfetta salute fisica, potete scegliere il vostro tipo di attività da svolgere secondo il vostro tempo a disposizione. La scelta deve essere fatta, in base al tempo che decidete di dedicare allo sport, da quello che volete ottenere, quante volte a settimana e quante ore giornalmente volete allenarvi.

Date il massimo senza mai esagerare, non è una gara dove dovete dimostrare qualcosa agli altri, ma dovete rendere conto solo a voi stessi, di essere in perfetta sintonia con ciò che state facendo.

Non fermatevi mai, perché nella vita non è mai troppo tardi, per iniziare e fare qualcosa, che non avete mai fatto. L'impegno e la costanza sono le strade, che guidano al successo.

Più Lette
  • Spesso noi donne sentiamo il desiderio, di voler cambiare il look ai nostri capelli. Se avete deciso di schiarirli e non sapete come fare o non volete spendere troppi soldi dal parrucchiere, noi abbiamo una valida soluzione. Infatti, in questo articolo vi spiegheremo come dare un tocco di luce alla vostra chioma, in modo completamente naturale utilizzando come ingrediente una spezia che si chiama curcuma.

    La curcuma è ricca di componenti nutrienti, che sono le vitamine e grazie, al suo colore giallo-ambrato, può essere usata per schiarire i capelli. Attenzione, perché questo trattamento schiarente è adatto solo ed esclusivamente a chi ha i capelli di colore chiaro, quindi non tinti e non scuri, ma vanno bene anche quelli bianchi. Il risultato, che si ottiene sono delle sfumature intese, dorate e luminose. Sui capelli scuri questo trattamento è assolutamente sconsigliato perché il risultato sarebbe un colore orribile e tendente all'arancione, quindi per favore evitate.

    Per realizzare lo schiarente alla curcuma

    vi occorre

    mezzo litro di acqua

    un cucchiaino di curcuma

    Mettete l'acqua in una pentola, aggiungete il cucchiaino di curcuma e mescolate facendo scaldare il composto senza renderlo eccessivamente caldo, deve essere tiepido. Ora, spicciate i capelli con cura e applicate il vostro schiarente sulla chioma in modo omogeneo, per creare dei riflessi naturali. In alternativa, potete decidere di applicarlo, solo su determinate ciocche in modo da realizzare una sorta di colpi di luce. Lasciate il trattamento in posa per dieci minuti e quando il tempo è trascorso, procedete sciacquando abbondantemente con acqua tiepida, per poi passare a fare il vostro shampoo abituale.Per ottenere un effetto più evidente, potete ripete questo schiarente naturale alla curcuma una volta ogni due settimane. Vi ricordiamo, che anche se non è un composto chimico l'utilizzo eccessivo della curcuma, potrebbe danneggiare e rendere la struttura dei vostri capelli un pò secca e crespa.

    Adesso se avete il desiderio e la voglia di cambiare look ai vostri capelli, sapete che la curcuma può soddisfare questa vostra richiesta, in modo semplice, naturale ed economico.

  • Nei precedenti articoli abbiamo preparato diversi trattamenti, utilizzando la zucca e anche questa volta, la protagonista è lei. Infatti, in questa nuova guida di oggi, vi guideremo nella preparazione di uno scrub naturale per il corpo con lo stesso ingrediente. Pulire in profondità la pelle è importantissimo, perché i depositi e gli accumuli delle cellule morte, influiscono peggiorando lo state di salute e di bellezza dell'epidermide del corpo.

    Scrub per il corpo alla zucca

    Vi occorrono:

    3 cucchiai di zucca

    2 cucchiai di olio extra vergine

    2 cucchiai di zucchero di canna

    Dovete semplicemente prendere i 3 cucchiai di zucca eliminando i semi, metterli in una ciotola e con una forchetta schiacciarli in modo da ottenere un risultato simile ad una poltiglia. A questo punto aggiungete i 2 cucchiai di olio extra vergine e i 2 cucchiai di zucchero di canna, procedendo nuovamente mescolando con cura questi ingredienti tra di loro.

    Ora, mettetevi sotto la doccia e con acqua tiepida inumidite la pelle del corpo. Iniziate l'applicazione del vostro scrub alla zucca, effettuando un massaggio per circa 5 minuti in modo intenso, ma senza esagerare (la pressione troppo intensa dello zucchero di canna potrebbe irritare la pelle). Le parti dove potete applicare questo trattamento sono le cosce, i glutei, la pancia, i gomiti e le ginocchia, perché questi sono i punti dove si formano maggiormente gli accumuli di cellule morte.

    Finito il massaggio sciacquate abbondantemente e utilizzate il vostro bagnoschiuma preferito, per completare la detersione del corpo. Ripetete questo scrub almeno 2 volte a settimana per riscontrare effettivi benefici.

    Questo trattamento è ideale, perché nutre la pelle in profondità e garantisce, una piacevole sensazione di morbidezza.

    Vi potrebbe piacere la zucca, per preparare tanti trattamenti di bellezza? Se ancora non l'avete provata, non vi resta che iniziare, perché è un prezioso rimedio naturale, per essere più belle.

    Buon trattamento.

  • La pelle del nostro corpo è molto sensibile e delicata, infatti per questo motivo assorbe con estrema facilità tantissime impurità, che si accumulano formando i depositi di cellule morte. Questa fastidiosa situazione, influisce soffocando l'epidermide e lo fanno apparire, poco luminoso, ruvido e di conseguenza non piacevole al tatto. Per queste problematiche esiste un prodotto che si chiama scrub che sta a significare esfoliare la pelle dalla "sporco". In questa nuova guida dedicata, alla bellezza, oggi vi faremo una confidenza, rivelandovi come preparare un trattamento scrub, utilizzando un frutto gustoso che si chiama papaya. La sua azione esfoliante, permette e garantisce di ottenere risultati sorprendenti.

    La papaya è un frutto che contiene tantissime proprietà benefiche, come le vitamine e i potenti antiossidanti che sono ottimi alleati sia per la salute fisica, sia per la bellezza estetica. Vediamo come realizzare il nostro scrub naturale.

    Mai più senza papaya!

    Scrub per il corpo alla papaya.

    Vi occorrono i seguenti ingredienti:

    mezza papaya matura

    2 cucchiai di sale grosso

    La preparazione è semplice e richiede pochissimi minuti. Prendete la mezza papaya, eliminante la buccia e i semi. Mettetela nel frullatore e frullatela, fino a renderla omogenea e soffice. Una volta ottenuto questo risultato, ponetela in una ciotola e aggiungete il sale grosso mescolando con un mestolo da cucina, facendo legare con cura questo ultimo ingrediente aggiunto. Ora sotto la doccia inumidite la pelle del vostro corpo e iniziate l'applicazione del vostro scrub. I movimenti devono essere rotatori e dovete massaggiare la pelle, per circa 5/6 minuti, senza esagerare con la pressione delle dita, altrimenti il sale grosso potrebbe causare delle irritazioni, simili a graffi di unghie. Le zone che potete trattare sono i polpacci, le gambe, i glutei, la pancia e le braccia. Per eliminare i residui sciacquate con abbondante acqua tiepida e procedete usando il vostro bagnoschiuma preferito. Vi consigliamo di ripetere questo scrub alla papaya, almeno una volta a settimana, per riscontrare gli effettivi benefici sulla vostra pelle. Questo tipo di trattamento, oltre a eliminare i depositi delle cellule morte, nutre e leviga la pelle in profondità.

    Buon trattamento.

Articoli
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.