Produzione di farmaci: l´Italia è ancora al n.1

Le nostre offerte mensili

€ 19,90 € 7,50

Produzione di farmaci: l´Italia è ancora al n.1 10 Agosto 2019

L'Italia è senza dubbio un paese di record, uno di questi è quello della produzione di farmaci.

Al primo posto in Europa, con un giro d'affari di 31,2 miliardi di euro solo nel 2017, ha superato sia la vicina Germania, al secondo posto, che la Gran Bretagna, posizionatasi sul terzo gradino del podio.

Questo importante traguardo, non è solo un fattore positivo a livello produttivo, ma comporta anche un notevole beneficio in termini di occupazione. Nel nostro Paese, infatti, l'industria farmaceutica conta circa 65.400 posti di lavoro, raggiungendo quasi 3 miliardi di euro di investimenti.

La ricerca e lo sviluppo, in questo settore sono elementi fondamentali per dare vita a nuove soluzioni. Una delle Regioni più virtuose in tal senso è la Toscana che, grazie al contributo di Università, centri di ricerca medica, grandi multinazionali e tante piccole aziende locali, è di fatto una delle realtà più avanzate nel settore delle scienze della vita, in particolare nell'ambito dei vaccini.


Investire nell'innovazione

Se da un lato gli investimenti per le eccellenze già affermate nel campo medico sono una realtà, dall’altro, questo si parla di start up, l’Italia deve ancora migliorare.

Ancora oggi le nuove realtà nel settore del Life Science non riescono ad ottenere finanziamenti importanti, come invece accade negli altri stati europei. Un limite che frena le tensioni verso l’innovazione e si ripercuote sulla varietà di terapie da proporre ai pazienti.

La soluzione, però, sembra esserci: per cercare di dare linfa anche al segmento medico 2.0, stanno nascendo fondi d’investimento pronti a finanziare le attività più interessanti, sfruttando anche ai vantaggi fiscali riconosciuti a queste realtà smart oriented.

In questo modo, l'industria farmaceutica, già di spicco in Italia, potrà raggiungere ancora più alti livelli di avanguardia e innovazione, portando ampi benefici sia al nostro Paese che all’intera popolazione europea.

Ultime news
  • Vitamina D, ecco perché non possiamo farne a meno

    20 Agosto 2019

    La vitamina D è tra gli elementi più importanti per la salute del nostro corpo: dalle ossa al sistema immunitario, fino alle funzioni vitali del nostro organismo, la vitamina D agisce su numerosi organi e tessuti.

    Sono molteplici gli studi che hanno verificato l’importanza della vitamina D nella prevenzione di patologie come tumori e disturbi del sistema nervoso, ma anche nell’azione curativa di infezioni e virus.

    Per assicurarci il corretto fabbisogno giornaliero di vitamina D è importante curare al meglio l’alimentazione e non sottovalutare la regolare esposizione alla luce del sole. I cibi che garantiscono un discreto apporto di vitamina D sono diversi: come il pesce, il latte e le uova. Inoltre, stare all’aria aperta per almeno 30 minuti consente alla nostra pelle – grazie all’azione dei raggi solari – di sintetizzare la questa vitamina.

    Spesso però la sola alimentazione e l’esposizione solare non sono sufficienti a garantire il livello di vitamina D di cui abbiamo bisogno.

    Per questa ragione è bene fare uso di integratori ricchi di vitamina D.

    In questo modo è possibile godere dei grandi vantaggi dati dall’assunzione regolare di questa vitamina: l’azione della vitamina D, ad esempio, è essenziale per garantire la buona salute delle ossa – essendo responsabile della gestione del metabolismo del calcio nel corpo – per proteggere il cuore e per aiutare il sistema nervoso nel suo regolare funzionamento.

    La vitamina D, inoltre, è utilissima per rafforzare le difese immunitarie, il sistema muscolare e la mineralizzazione dei denti, il che la rende indispensabile anche per garantire un corretto e regolare sviluppo nei bambini.

  • Colite spastica: cos’è e come si cura

    17 Agosto 2019

    Se anche a voi è capitato di soffrire di dolori o crampi addominali, è molto probabile che siate stati colpiti da colite spastica.

    I sintomi di questa patologia durano circa tre giorni e vanno dal classico mal di pancia, alla sensazione di pienezza, dal gonfiore a livello del ventre, fino ai disturbi intestinali. In alcuni casi la sensazione di dolore può durare per molto più tempo e, a volte, a seconda della causa scatenante, può diventare cronica.

    Quali sono le cause?

    Questo disturbo si presenta per diverse ragioni, per esempio a causa di un'infezione della zona intestinale. Ma non solo. Anche le situazioni di stress possono contribuire all'ipersensibilità di questa zona. Non è un caso, infatti, che la colite spastica colpisca maggiormente le donne che ne sono più soggette.

    Prevenzione e rimedi

    Come per ogni patologia la prevenzione può aiutare moltissimo. Stile di vita sano, attività fisica e alimentazione corretta fanno davvero la differenza. Per esempio è bene:

    • evitare pasti troppo abbondanti;

    · aumentare gli alimenti ricchi di fibre;

    · eliminare cibi e bevande eccitanti, come la caffeina o la teina.

    E se la prevenzione non è sufficiente? La cura è in farmacia. Sotto prescrizione medica, potete optare per:

    • farmaci contro la costipazione o la diarrea;
    • antibiotici;
    • antidepressivi, che aiutano ad alleviare il dolore;
    • anticolinergici, per controllare gli spasmi dell’intestino.

    In ogni caso, prima di scegliere il rimedio o la dieta da seguire, chiedete sempre consiglio al vostro farmacista di fiducia che saprà indirizzarvi verso la cura più adatta.

  • Osteoporosi: ecco le potenzialità della vitamina C per contrastarla

    15 Agosto 2019

    Tra tutte le vitamine, la C, è senza dubbio la più conosciuta e nominata. Quante volte, per esempio in caso di influenza, ci siamo sentiti dire di fare il pieno di questa sostanza con una bella spremuta d'arancia.

    Quello che però risulta meno noto è che questa vitamina è un potente alleato contro molte altre patologie. Tra queste, per esempio, l'osteoporosi, ovvero la condizione in cui lo scheletro ha una perdita progressiva di massa ossea e di resistenza, causate da fattori nutrizionali, metabolici o patologici. La conseguenza è un graduale indebolimento delle ossa e la maggior propensione a fratture, anche per traumi minimi.

    Vitamina C, un alleato per le nostre ossa

    La vitamina C svolge un ruolo importantissimo a livello scheletrico poiché risulta essenziale per la crescita e il rinforzo osseo ed è in grado di ridurre gli effetti dello stress ossidativo. In più, ha anche la capacità di creare un collagene che interviene nello sviluppo di altre proteine. In questo modo, oltre a regolarizzare la formazione delle cellule come la cartilagine, è in grado anche di differenziarle tra staminali e ossee.

    Una funzione di fondamentale importanza, soprattutto per i soggetti adulti e gli anziani, più colpiti da questa malattia e dai suoi effetti altamente debilitanti.

    La corretta assimilazione giornaliera di Vitamina C, si aggira intorno ai 75 mg per le donne e 90 mg per gli uomini. Tra gli alimenti che la contengono, oltre alle arance, troviamo:

    • peperone rosso e verde;
    • cavolo nero;
    • broccoli;
    • cavolfiore;
    • fragole;
    • ananas.

    Sempre sotto consiglio del vostro farmacista, poi, potete acquistare integratori specifici che vi aiuteranno a mantenere le giuste dosi di questa importante vitamina.

Rubriche
  • LA SCELTA DI PRATICARE SPORT

    14 Agosto 2019

    La scelta di praticare sport, è una decisione che va affrontata e deve essere basata su diversi fattori, cercando di preferire l'opzione che sia adatta allo stato di salute, al risultato che si vuole ottenere e alla propria passione. Il consiglio è di scartare a priori, la scelta dello svolgimento di tutte quelle attività fisiche che non rispecchiano i vostri interessi, quindi inutile iniziare, se già sapete che quel tipo di sport non vi piace. In questo caso se avete la passione per la pallavolo, logicamente non inizierete a praticare ginnastica artistica, sarebbe un controsenso e una scelta completamente errata, quindi prendete la vostra decisione basandola su un reale interesse.

    Lo sport è un valido alleato, per mantenersi in buona forma fisica, per migliorare lo stato di salute dell'organismo, e inoltre, perché aiuta a scaricare la tensione nervosa, associata molto spesso associata allo stress (malattia del secolo).

    La scelta di praticare sport, deve essere anche valutata, in base alle vostre condizioni fisiche e al desideri degli obbiettivi che desiderate raggiungere.

    Lo sport aerobico, è un tipo di attività fisica che richiede un maggiore sforzo fisico, prolungato, quindi occorre una buona preparazione fisica e un ottima resistenza alla fatica.

    Lo sport anaerobico, è un tipo di attività fisica che richiede uno sforzo breve, ma generalmente è più intenso.

    Da non sottovalutare la scelta del tempo, perché se volete praticare sport una volta a settimana per un'ora, evitate di scegliere un tipo di attività fisica che richiede un impegno costante e maggiore. Ricordate, inoltre di effettuare un controllo medico, in modo da verificare il vostro stato di salute, prima di iniziare a praticare sport. L'età, non è un fattore che determina la vostra ammissibilità allo sport, l'importante è che la vostra condizione fisica sia idonea per sopportare la sfida.

    Ora, siete pronti a scegliere il vostro sport da praticare, in modo corretto.

  • CURE NATURALI CONTRO L´HERPES

    07 Agosto 2019

    In questo articolo parliamo della fastidiosa e "brutta" herpes labiale, una bolla che può raggiungere dimensioni e lesioni più o meno dolorose. Generalmente è provocata quando si affrontano dei periodi di forte stress, quando c'è un forte abbassamento delle difese immunitarie o è causata, anche se ci sono frequenti sbalzi ormonali. Lo sapete che questo problema può essere curato e si può guarire grazie all'applicazione di alcuni rimedi naturali che risultano essere semplici da utilizzare e soprattutto efficaci. Che ne pensate? E' arrivato il momento di vederli insieme.

    L' Aloe Vera, il suo utilizzo può sembrare ripetitivo e quasi un miracolo, non lo è ma sicuramente, apporta benefici innumerevoli per questo che la ringraziamo in quanto ci aiuta a risolvere diverse problematiche.Ebbene si, l'aloe è valida anche per curare l'Herpes, perché aiuta la formazione della crosticina e ne va a diminuire il gonfiore, facendola sparire in pochi giorni. Basta estrarre qualche goccia del suo gel contenuto all'interno delle sue foglie e applicarlo dove compare il fastidio. Dovette effettuare un impacco per 3 volte al giorno, fino a quando non notate i miglioramenti. Non serve risciacquare in quanto questa sostanza viene assorbita con facilità dalla pelle.

    Il Sale, è un ottimo disinfettante naturale, che aiuta a contrastare e combattere l'herpes in profondità eliminandola in pochi giorni, l'unico difetto è che durante le prime applicazioni può risultare un pò dolorosa perchè provoca bruciare, ma se volete eliminare questo fastidio vale la pene soffrire un pò. Prendete un pò di sale e aggiungete meno di mezzo cucchiaino di acqua e aiutandovi con il dito indice andate ad applicare questa soluzione sulla lesione lasciandola agire per circa 5 minuti. In questo caso dovete sciacquare con acqua tiepida evitando che il sale vada a seccare troppo la ferita. Ripete almeno 2 volte al giorno questo trattamento e sospendetelo, quando notate i miglioramenti desiderati.

    Con questi trattamenti rendete la vita dell'herpes, molto breve.

  • Un paralume per il mio bambino: una creazione a prova di mamma

    31 Luglio 2019

    Oggi mi presento in veste di mamma creativa. Ebbene sì, ho abbellito il paralume della stanza del mio bambino! Devo dire che è stata una giornata fantasiosa e più che soddisfacente! Andreuccio era in brodo di giuggiole! Quanti sorrisi mi ha regalato!

    Ora vi rivelerò come potete trasformare un semplice paralume in un grazioso accessorio per la stanza delle vostre piccole pesti! Ogni cameretta per bambini, infatti, con un paralume rinnovato diventa più accogliete e piena di calore!

    La tecnica per personalizzare il paralume è facile, divertente e molto rapida!

    Dovete procurarvi della carta per confezionare regali che abbia disegni e contorni netti.

    Una volta scelti i disegni che volete usare per la vostra creazione, sarà necessario calcolare il numero dei disegni utili per ornare il paralume; quindi armatevi di forbici appuntite e ben affilate e cimentatevi a ritagliarli tutti.

    A lavoro eseguito, prendete del nastro bioadesivo e applicatene un pezzetto sul retro dei ritagli, poi attaccateli al vostro paralume posizionandoli per bene di modo da ottenere un bell'effetto decorativo! Dopodiché dovete segnare leggermente a matita la posizione dei ritagli, quindi dovete toglierli.

    Una volta tolto il nastro adesivo, sul retro di ogni ritaglio, bisognerà spalmare alla perfezione della colla, ma abbiate cura di arrivare fino ai margini di ogni figura (è consigliata sempre una colla in stick). A operazione eseguita, dovete incollare i decori sistemando per bene i ritagli nei punti segnati precedentemente sul paralume. Infine, munite di una pezza di stoffa, dovete lisciare per bene ogni figura di modo da rimuovere alla perfezione eventuali bolle d'aria.

    Adesso il gioco è fatto! Anche voi e i vostri bimbi avrete un paralume speciale creato con tutto l'amore e la pazienza di cui solo noi mamme siamo capaci!

    Manca ancora un passaggio: dovete andare ad attaccare la vostra meravigliosa creazione nella presa della cameretta dei vostri piccoli. Fatto? Bene! Ora potete portarli a vedere l'opera, vedrete che sorrisi che vi doneranno!






I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.