Tutto sulla vitamina K: un toccasana per...

Le nostre offerte mensili

€ 17,90 € 14,90

€ 18,00 € 16,90

€ 15,90 € 13,90

€ 9,90

Tutto sulla vitamina K: un toccasana per sangue e ossa 14 Novembre 2019

Il verde è il colore della speranza ma è anche quello della salute. In tutte le verdure a foglia verde, infatti, è presente un elemento estremamente importante per il nostro organismo. Parliamo della vitamina K, anche chiamata vitamina di coagulazione.

Il suo nome deriva dalla parola danese koagulation poiché, il suo effetto principale, è quello di sviluppare dei fattori di coagulazione del sangue, aiutando l’arresto delle emorragie. Negli ultimi anni, poi, si è scoperto come questa vitamina influisce nella formazione e nella conservazione delle ossa, intervenendo nella produzione di osteocalcina, la proteina atta a prevenire l’indebolimento osseo durante la fase di post-menopausa.

Il verde che dona salute

La vitamina K è presente in moltissimi alimenti, in particolare nelle verdure come spinaci, cipolle, cavoletti di Bruxelles, coste e porri. Ma anche negli oli vegetali, fiocchi di avena, legumi e burro. Con un'alimentazione sana ed equilibrata, quindi, è molto facile assimilare le giuste dosi quotidiane di questo concentrato di benessere.

Nei soggetti adulti è difficile che si riscontri una carenza di questo elemento e quando avviene, solitamente, è a causa di malattie associate a disturbi dell’assorbimento dei grassi nell’intestino.

Questo, però, non vale per i neonati i cui fattori di coagulazione del sangue non sono ancora maturi. Il latte materno contiene dosi molto basse di vitamina K e, quindi, risulta importante aggiungerla con degli integratori.

Per questo motivo, è sempre bene chiedere consiglio al medico e al farmacista di fiducia che vi sapranno indirizzare verso la soluzione migliore per una corretta assimilazione di questo importantissimo elemento di salute.

Ultime news
  • Prurito dopo la doccia? Ecco come curarlo

    05 Dicembre 2019

    Vi è mai capitato di sentire una forte sensazione di prurito a contatto con l’acqua? Che sia dopo un bagno in piscina o dopo la doccia, per molte persone, questo elemento diventa un vero e proprio nemico.

    Questa sintomatologia viene spesso associata a forme allergiche dovute, per esempio, ai detergenti o al cloro. Ma non è sempre così.

    Può trattarsi, infatti, di una patologia chiamata “prurito acquagenico”. Questa sorta di intolleranza cutanea è causata dall’eccessivo rilascio nell’organismo di istamina e acetilcolina, due neurotrasmettitori che, reagendo all’acqua, generano la sensazione di prurito. Solitamente si manifesta su gambe, polpacci e braccia, ma può estendersi su tutto il corpo.

    Le crisi possono durare qualche minuto e, in genere, si attenuano coprendo la pelle.

    Prurito? No grazie!

    Ad oggi non si conoscono cure risolutive del problema ma esistono dei rimedi preventivi che ne limitano gli effetti. Vediamoli insieme.

    • Prima di fare la doccia o immergervi nell’acqua applicate sulla pelle prodotti a base di capsaicina, un composto organico presente nel peperoncino, la cui particolarità è quella di attenuare il prurito;
    • utilizzate detergenti delicati e ipoallergenici, come quelli all’avena, che possiede proprietà antinfiammatorie, lenitive e idratanti;
    • evitate bagni o docce troppo calde poiché l’aumento della temperatura corporea può aggravare la sensazione pruriginosa;
    • asciugatevi tamponando la pelle senza sfregarla e applicate su tutto il corpo dei prodotti idratanti, nutrienti e calmanti a base, per esempio, di burro di karité, acido ialuronico e olio di mandorle;
    • preferite indumenti di cotone o seta, più delicati sulla cute.

    Nel caso il disturbo persista, sempre sotto indicazione medica o del vostro farmacista di fiducia, potete optare per soluzioni alternative come cicli di fototerapia o l’utilizzo di farmaci antistaminici.

  • I farmaci che non possono mai mancare in casa

    03 Dicembre 2019

    Febbre improvvisa, mal di testa, dolori muscolari, una scottatura mentre si cucina o una contusione per una caduta. Quante volte ci è capitato di sentirci poco bene o di farci male, magari durante il weekend, senza avere la possibilità di consultare il nostro medico o il nostro farmacista di fiducia!

    Una farmacia dietro l'angolo

    Sono molti i casi in cui ci servirebbe avere uno specialista come vicino di casa ma non avendo questa possibilità è importante tenere in casa una piccola farmacia munita di tutti i medicinali di prima necessità. Stiamo parlando di tutti quei prodotti da banco per cui non serve interpellare il medico ma che, con un po’ di buonsenso, possono risolvere piccoli problemi fisici che a volte compaiono senza preavviso.

    Ecco allora una lista dei principali farmaci da tenere sempre nel vostro armadietto domestico dedicato alle medicine:

    • antifebbrili e antidolorifici, per combattere in modo efficace attacchi di febbre e dolori di varia natura;
    • antiacido, da usare in caso di bruciori di stomaco;
    • lassativi o antidiarrotici, per la regolazione dell'attività intestinale;
    • antistaminico, che aiuta a ridurre i sintomi causati da reazioni allergiche;
    • una crema a base di ossido di zinco per alleviare le infiammazioni cutanee;
    • una pomata antidolorifica, per lenire i dolori muscolari o quelli causati da contusioni;
    • disinfettante, garze e cerotti, per medicare le ferite superficiali;
    • termometro, per la misurazione delle temperatura.

    L'importanza di conservare bene

    Quando si parla di medicinali è necessario prestare attenzione alla data di scadenza ed evitare di tenere in casa prodotti ormai scaduti. Ma non solo.

    Per conservarli in modo corretto occorre riporli lontano dalla luce, in un ambiente fresco e asciutto, al riparo dall’umidità e dal calore eccessivo e, possibilmente, lontano dalla portata dei bambini.

    Non mischiate prodotti con uso diverso, per esempio per l'igiene personale, tenete tutti i foglietti illustrativi all'interno delle confezioni e mantenete i farmaci sempre in ordine per tipologia, cosi da evitare scambi o errori nell'assunzione.

    Un ultimo accorgimento? Consultate sempre il vostro farmacista nella scelta dei prodotti e tenete ben in vista i numeri telefonici di emergenza come la guardia medica, il pronto soccorso e le farmacie più vicine.

  • Fai risplendere viso e capelli con gli olii vegetali

    30 Novembre 2019

    Gli olii vegetali sono concentrati naturali molto potenti. Perfetti per ammorbidire, proteggere e nutrire la pelle, si possono utilizzare su viso e capelli.

    In natura, la scelta è vastissima!

    Scopri gli olii vegetali più preziosi e quali sono le loro proprietà benefiche.

    1. Olio di mandorle: è un grande classico della bellezza del corpo. Idrata, ammorbidisce e lascia la pelle estremamente elastica e compatta. È indicato anche per prevenire le smagliature.
    2. Olio di nocciola: si utilizza sul viso in caso di pelle grassa ed acneica. La sua virtù? Quella astringente, perfetta per liberare i pori dagli accumuli di sebo.
    3. Olio di germe di grano: questo olio vegetale è un concentrato di Vitamina E, davvero prezioso per rigenerare corpo e capelli. Spalmato sulla pelle la lascia più soda e compatta, sensibilmente ringiovanita, mentre applicato come impacco sui capelli dona corpo e luminosità alle chiome decolorate, fragili e aride.
    4. Olio di calendula: è estremamente lenitivo, ed è indicato per trattare le pelli più arrossate e infiammate. È consigliato per la cute dei bambini e per il seno screpolato delle donne in dolce attesa.
    5. Olio di sesamo: ha spiccate doti antiossidanti ed emollienti, oltre che protettive per la pelle. Quest’olio, infatti, è in grado di filtrare il 30% dei raggi UV e può essere impiegato come protezione solare in città.
    6. Olio di lino: si utilizza prevalentemente sui capelli per ritrovare una chioma luminosa e molto setosa. Indicato per chi ha capelli crespi e che si elettrizzano facilmente, si può applicare prima o dopo il lavaggio. Un utilizzo innovativo? Provatelo sulle sopracciglia, per ammorbidirle e illuminarle, specie in estate dopo le lunghe esposizioni a sole e salsedine.

    Qual è l’olio perfetto per te? Chiedi consiglio al tuo farmacista e scegli il miglior elisir naturale di bellezza per le tue necessità.

Rubriche
  • RIMEDI NATURALI CONTRO I DOLORI MUSCOLARI

    27 Novembre 2019

    Se siete degli sportivi a livello agonistico o praticate sport, semplicemente per mantenervi in buona forma fisica, sicuramente vi sarà capitato e vi capita, qualche volta di avvertire qualche dolore muscolare. Certamente, avrete applicato pomate, gel, spray e prodotti simili per risolvere questo fastidioso problema, ma dovete sapere che i dolori muscolari causati dallo svolgimento di una qualsiasi attività fisica, si possono contrastare in maniera naturale. Infatti, in questo nuovo articolo, vi spieghiamo come contrastare i dolori muscolari con l'utilizzo di alcuni rimedi naturali, con il vantaggio è che non hanno controindicazioni e apportano un immediato sollievo al disturbo.

    Rimedi naturali contro i dolori muscolari

    Il gel di aloe vera, ormai tutti conosciamo le sue straordinarie proprietà benefiche e anche in questo specifico caso riguardante i dolori muscolari causati dal praticare sport, risulta essere un valido aiuto. Infatti, pensate che basta estrarre un pò di gel dalle foglie dell'aloe e applicarlo nella parte del corpo dove compare il dolore ed effettuare un leggero massaggio, fino al completo assorbimento. Oppure se preferite potete fare devi veri e propri impacchi, mettendo una buona quantità di gel di aloe e coprire con un asciugamano, la zona del corpo dove avvertite il dolore (per questo tipo di applicazione concedetevi 20 minuti di relax). L'aloe vera, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e calmanti, donerà un immediato senso di sollievo, agendo direttamente sul dolore muscolare.

    Lo zenzero, anche di questa radice abbiamo parlato molto spesso, in quanto le sue preziose virtù benefiche, non hanno nulla da invidiare al gel di aloe vera. Lo zenzero, infatti influisce stimolando la circolazione e di conseguenza ammorbidisce il dolore muscolare, sciogliendo la formazione degli accumuli dei liquidi. Dovete fare degli impacchi, vi basterà mettere circa 1 litro di acqua in un tegame e aggiungere una decina di pezzi di radice di zenzero eliminando la buccia e portare il tutto ad ebollizione. A questo punto, fate raffreddare il composto per 5 o 6 minuti, in modo da evitare di scottarvi e poi, immergete un asciugamano, strizzatelo per bene per evitare colature. Fasciate la zona dove compare il dolore e lasciate agire per circa 15 minuti.

    Con il gel di aloe vera e lo zenzero, i dolori muscolari saranno solo un vecchio ricordo.

  • IL SEDANO E I SUOI BENEFICI PER LA SALUTE

    20 Novembre 2019

    In questo articolo parliamo del sedano un potente alimento definito "idratante" e non solo, perché si prende cura della salute del nostro organismo. E' ricco di proprietà, che donano benefici e tanti vantaggi alla salute, infatti contiene minerali come il sodio, il potassio, il fosforo, il magnesio e il calcio, tutti indispensabili per un buono e sano funzionamento a livello fisico. Il consiglio sarebbe consumarne piccole quantità durante l'arco della giornata in modo, da poter usufruire delle sue preziose proprietà. Ora vediamo le sue qualità, insieme ai suoi poteri naturali.

    Disintossica, il sedano è ottimo per disintossicare l'organismo, perché grazie alle sue proprietà antiossidanti, la sua assunzione libera dalla presenza di tossine, facendo ritrovare il giusto benessere all'intestino.

    Antitumorale, la buona presenza di alcune sostanze chiamate apigenina e luteolina, permettono di proteggere l'organismo da diversi tipi di cancro.

    Diuretico, questo alimento è in grado di aiutare a prevenire le infezioni, perché è ricco di sodio e potassio, che stimolano la produzione di urina permettendo e facilitando l'eliminazione dei liquidi in eccesso.

    Stipsi, in caso di stipsi o stitichezza funziona da lassativo completamente naturale, perché durante l'assunzione le fibre contenute nel sedano rilasciano queste sostanze nell'intestino, provocando dei movimenti che aiutano a risolvere questo fastidio andando, anche ad eliminare il senso di gonfiore.

    Colesterolo, il sedano contiene il butile ftalide una potente sostanza in grado di diminuire il colesterolo "cattivo" in questo caso, bisogna consumare il gambo verde 2 o 3 volte al giorno.

    Rinfrescante, è ideale durante i periodi quando il caldo diventa torrido, per apportare idratazione e rinfrescare l'organismo in quanto è ricco di acqua e magnesio.

    Conoscevate tutte queste proprietà benefiche del sedano? Se la risposta è no potete decidere di farlo diventare il compagno delle vostre giornate, approfittando della sua bontà, con un vantaggio in più per la vostra salute e il vostro benessere.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.